May’s Music Advices: Coltrane’s Sound … Let’s Fall in love with some Jazz.

Let’s plunge into the heart of Jazz this month.

I know that many persons just can’t stand Jazz music. I’m not joking.
I heard several times things like “This noise stress me out!”, “it’s boring: there’s no voice!”, “it’s nonsense”. That’s because in my opinion, Jazz is not only a genre. It’s a real life style.
I bought a book last week “How Jazz can change your life”, written by Wynton Marsalis. I’m only at the beginning, but i totally agree with Marsalis when he talks about Jazz as a life-style, a way to face life.
Every genre may have this power, but the Jazz is unique in his way of  settle his power inside your life, your way to think and handle people and events.

Since i totally fell for Jazz music
I can say my life has changed.
In a better way.

That’s why i want to share it with you.

In Italy, many persons think about Jazz music as if it was a kind of fashion stuff: “no, Jazz is only for cool people”. It’s a kind of hip trend that makes you appear an arrogant intellectual, who is clever than stupid people who listen to other genres. Isn’t this silly?
In my point of view, it’s exactly the opposite.

It’s not a matter of culture and intelligence.
It’s a metter of heart.
Emotions. That’s why:
Jazz is for everyone. 
But many persons are scared to listen at it, without mental blocks, hindrances made of fear for something that is atavistic, deeply engraved in our instinct and soul.

Of course you can’t listen to Jazz if you’re too stressed, if you really don’t listen to it!

The Cd i propose this month is “Coltrane’s sound”. I choose Coltrane because i think this musician has really the power to speak directly to you heart, with no filter. I really love “Equinox”. I’ll leave a link here.

Musicians:
John Coltrane: Tenor saxophone
Steve Davis: Bass
Elvin Jones: Drums
McCoy Tyner: Piano

This is really strong. I think this music never let you fell lonely. Every sound chases the other. Air is filled with rhythm. And the rhythm that come out is pure emotion.

And ALL you have to do is to put yourself in Coltrane’s saxophone.

Here’s the full album:


Have a nice Journey.

Pleasantly surprised by Black Sabbath’s New album – Piacevolmente sorpresa dal nuovo album dei Black Sabbath

This is the cover art for 13 by the artist Black Sabbath. The cover art copyright is believed to belong to the record label or/and the graphic artists

Italiano: Eccoci qui. Allora come al solito sarò sincera. Ero immersa nel traffico del raccordo romano col mio bel Coltrane. Poi mi sono detta: “E dai su via che non gli dai una chance?”- Ed ecco che mi parte “God is dead?” dei Black Sabbath. E che dire… beh è davvero un bel pezzo. Non solo conserva quel sound tipico del gruppo, ma mi è sembrato proprio ci fosse la volontà di riaffermare un po di sano oldie heavy metal in un panorama commerciale assai costernante. Di per sé lascia una sensazione di atemporalità, cosa che apprezzo molto. Minuscola critica: il testo non è male… ma richiamando Nietzsche… diciamo che magari si poteva andare un po più in profondità. (Di norma quando chiedi : “ehi qual’è la frase più famosa che ricordi di Nietzsche?” il 90% delle persone ti risponde “Dio è morto” … che poi detto così va anche a lasciar fraintendere il vero significato di questa forma breve nel contesto della Genealogia della morale.) Quindi se c’è un chiaro riferimento Nietzschiano il testo non lo mostra in maniera poliedrica e chissà se qualche ascoltatore potrebbe fraintenderlo. Ma non voglio essere la solita rompicoglioni che va a cercare il pelo nell’uovo.

Detto ciòòòò “cari amichi miaaaa” l’album uscirà in Europa il 10 Giugno 2013, e l’11 negli States. Si tratta di un reunion, con la variante di avere Brad Wilk alla batteria (si si il batterista dei RATM e degli Audioslave) invece di Bill Ward. Per il resto riconoscerete il buon vecchio Osbourne… che come fa ancora a cantare così nun se sà, Butlet e Iommi. Ecco qui. Buon ascolto ^_^

English: I was stuck in the roman traffic jam this morning listening to my wonderful Coltrane. But i was quite curious to listen to at least a song from “13” the new album of the Black Sabbath. So i made my first listening to “God is dead?”. How can i put it… it was very good. I really stood pleasantly surprised. The song keeps in herself the typical sound of the band, and it seemed to me that there was the wish to restore some good, old, heavy metal into nowaday’s poor commercial background. There’s a sense of timeless rhythm, a circular aura that leads us. The only small critique i wanted to write is actually focused on the lyrics. They’re not bad but if Nietzsche is involved in that, i think some listeners may misunderstand what the philosopher meant to say when in he wrote “God is dead” in Zur Genealogie der Moral. This is actually the most well-know sentence people know from Nietzsche, but it’s not so simple to understand what he meant to say by that into his work. That’s it, i don’t want to be a pain in the ass. : )

The Album will come out in Europe on 10 June 2013. In the USA, you’ll have it on the 11th. Instead of Bill Ward, the drummer is Brad Wilk (yeah the amazing drummer of RATM and Audioslave). For the rest, you’ll find Osbourne (how can he still sing like this? he’s great), Butler and Iommi.

July’s Musical Advices: Vangelis


English
: Probably you don’t recognize this name, but i can bet you know his music. Vangelis is the artist name of Evangelos Odysseas Papathanassiou. He’s a greek  composer of electronic, progressive, ambient, jazz, and orchestral music… we know him because he created impressive and emotional landscapes painted with music from many movies. When i listen to him, he always let me enter in his world… and i get relaxed, or exited, sad and happy. Every single song is a real universe, so if you lay down for a while close your eyes and listen to him, you’ll fly away, into nature, man’s dreams, animal’s impulsivity. I think that it is a very good thing if you can create while listening to his music: he opens your sensitivity so fast.

What i admire from him is his curriculae: he’s a genius… he’s a self taught musician, who play with the heart.  He reportedly began composing at the age of four. He refused to take traditional piano lessons, and throughout his career did not have substantial knowledge of reading or writing musical notation.

Here’s one that always moves me…  it remembers of my childhood… of all the suffering i saw…:

Consigli Musicali di Luglio: Vangelis

Anche se il nome non vi dice niente, sono certa che la maggior parte di voi ha conosciuto o per lo meno sentito almeno una volta le sue composizioni. Evangelos Odysseas Papathanassiou in nome d’art Vangelis, è uno dei compositori più importati al mondo. Un vero genio della musica che ha iniziato a comporre all’età di 4 anni. Rifiutò di prendere lezioni di piano. Non credo gli servissero! Ogni singola canzone è un universo a sé stante, un paesaggio emozionale dipinto con le note musicale. E’ in grado di trasformarmi in pochi secondi nella bambina dall’infanzia rotta alla donna piena di speranza, passaggi soffusi tra nostalgia umana e mondo animale. Un ritorno alla natura. Ammiro il suo essersi scostato dal tecnicismo assoluto… si è lasciato andare e lo si sente in ogni sua composizione. Su youtube potete trovare tantissime composizioni, in più nei post precedenti vi ho pure detto come togliere gli add pubblicitari… quindi il gioco è fatto : )

Sopra ho messo una sua composizione acquatica… qui ne ve lascio un altra… e non mi dite che non l’avete mai sentita!

June’s Music Tips and Advices- part two – Moonlight- Enya’s best songs

English: Ok! Before you say “WTF!? After Amon Tobin and Bregovic you propose Enya!?” just read what i really want to tell you. This part is the second one. I’ve called it “moonlight” for a specific reason.

It has been proved that water is influenced by the sounds. Water crystallization’s evolution is different when you give to that element a variety of sounds. We can consider “sound” noises, voices and music. When raggae music talks about “positive vibrations”… It’s not a joke.
As we are composed of 65-75%  of water… well i think we should consider how to feel these sounds around us. 

I often listen to persons that have problems falling asleep. They tell me they really don’t feel tired when they go to bed. “I feel heavy like a big stone” or “darkness make me worry… when i close my eyes, i see all my troubles” these are the most common sentences i hear them say. I really think music can be helpful. I think that our mind should be treated gently, and we should listen to ourselves, to what we would like to listen.

In my point of view, Ravel’s Bolero will surely relax you instead of Skrillex’s Dubstep. Enya enters in this type of concentration. Her music is relaxing, evocative, dream-like and fluid. Listening to her is a pleasure, and probably she’ll guide you to peace.

Here’s a few songs I’d like to suggest you! Here’s my favorite for starting:

1- Caribbean Blue
2- Only Time
3- The River Sings
4- Crying Wolf
5- Watermark
6- Storms of Africa

For me… Enya is a model to follow, a beautiful (fascinating) woman who exudes positive energy and peace of mind… i really love her. Here’s a Live of her… such an amazing voice:

Consigli musicali del mese parte due- Le migliori canzoni di Enya

Allora prima che mi mandiate al quel paese, vorrei che ascoltaste le mie ragioni sul perché dopo Amon Tobin e Bregovic ho deciso di proporvi Enya.

Studi recenti stanno provando che l’acqua, ed in particolar modo la sua cristallizzazione, è influenzata profondamente dai suoni. E per suoni intendo la voce umana, i rumori comuni e e ovviamente la musica. Le “Positive Vibrations” dei reggaettoni non sono da sottovalutare. Ora dato che siamo composto dal 65-75% di acqua, direi che è assai essenziale prestare un minimo di attenzione a quel che ascoltiamo. 

Molte persone si lamentano di non riuscire a dormire. Io credo che la musica possa aiutare a ristabilire un equilibrio che la quotidiana vita ci fa perdere. Serve qualcosa che possa ricondurci ad un pacifico silenzio. Ad una concentrazione sul nostro corpo. Troppo spesso si va a dormire senz’esser coscienti di noi stessi. Ecco io credo che questo tipo di musiche hanno la capacità di ricondurci ad uno stato di quiete. Placare le acque. Ci manca. Quindi invece di ucciderci con la dubstep di Skrillex all’una di notte… forse Enya potrebbe esser più indicata per chi è alla ricerca di un sound più onirico, evocativo e fluido.

Sopra trovate il link della mia canzone preferita di Enya, e qui vi elenco una lista di tracce che secondo me rappresentano davvero bene questa voce meravigliosa.

1- Caribbean Blue
2- Only Time
3- The River Sings
4- Crying Wolf
5- Watermark
6- Storms of Africa

Per lei è davvero un modello da seguire, trasuda energia Positiva, un fascino, una bellezza davvero incredibile.

Consiglio Musicale del Mese: Enya

Non è molto che vi ho consigliato “A passage in Time” dei Dead can Dance. Nonostante la bellezza delle loro ricostruzioni storiche e il sound onirico e al contempo mistico che aleggia da traccia a traccia, questo mese vorrei tornare su qualcosa di più classico e conosciuto. Lo so cosa penseranno molti di voi: “ENYA??? a foglia?! ma che te sei rincoglionita? noi quà ci si addormenta!”. Allora… ok su alcune tracce, è vero, ci posso stare. Tuttavia vi sono delle musiche proposte da Enya che non possono essere a mio avviso ignorate ed etichettate come “musica new age”.

Trovo alcuni suoi pezzi davvero notevoli. Tra l’altro mi trasmettono un’insolita nostalgia bucolica. Un invito ad ascoltare la natura. Si, azzarderei un invito a riscoprire un Panteismo quasi Romantico. E dato che la primavera sfoggia quest’idea in un ottica positiva, questo mese vi propongo “Caribbean Blue”.

Spero che possa ispirarvi come l’ha fatto come me. Buon WE

La Cura

Più che un “articolo” questo è più che altro un pensiero rapido.

No, non ho più inviato nessuna poesia a nessun concorso. Lo farò? non lo so. Di norma una volta l’anno mando un mio scritto ad un concorso. L’anno scorso vinsi… ma quest’anno non ho volontà per partecipare a potenziali danze di maschere e falsità. Quest’anno sono bastate alcune persone a consumare la mia purezza.

ma non sono in ginocchio. Chi mi ama e ama le cronache del ghiaccio e del fuoco mi ha sempre comparata alla casata degli Stark. In particolare ad Arya. “Chi ha onore, chi è sincero e limpido -… finisce con la testa mozzata” mi dicevano… io ridevo rispondendo… “e va beh dai però le persone come noi servono, no? qualche stark ci deve pur esser, no?” … e di risposta “si ma ti vedranno come nemico. La tua imprevedibilità e la tua sincerità romperà tutti i loro calcoli… e ti elimineranno…”. “Ma io ho la magia dalla mia. I figli della foresta… i meta-lupi, la mia coscienza”… nella vita reale non ho trovato il mio metalupo… forse è la mia mano.

Beh fatto stà… non c’è una cura alla sincerità. Ma in radio uno speaker giorni fà ha trasmesso un mio messaggio… e poi dopo mi ha messo sta canzone… “La cura” di Battiato. La musica non mi piace molto -soprattutto quella edita- ma ho trovato un live con piano davvero meraviglioso, le parole sono talmente belle che mi son messa a piangere in macchina come una fessa.

Sono le parole che spesso avrei voluto sentirmi dire. E che avrei voluto dire a quelli che più ho amato e soprattutto amo. Beh… ve la dono a voi, anche. Forse smuoverò qualche sentimento assopito.

C’è anche una bella selezione delle opere più famose della storia della pittura europea…