Sul Lunedì

Odio i lunedì. I lunedì sembrano la materializzazione d’una informe subcoscienza. Ti si depositano addosso. Si aggrappano alla pelle. Respirano al posto tuo quasi. Ogni lunedì ha una sua forma, una sua personalità. Poliedrici volti ossuti, scavati e smunti. Simili all’archetipo del vecchio psichiatra occhialuto che t’osserva, che compiange la tua follia di sapiens-sapiens costretto a mascherarsi in giacca e cravatta, in tacchi e gonne scomode.

Silenziosi sorridono perché rappresentano il principio del sacro tempo scambiato per il tanto agognato denaro. E i lunedì lo sanno.“Non hai avuto il tempo di disegnare, uhm?” dice indemoniato dal piacere il Lunedì 10. “Uuuuh… neppure il tempo di leggere quel libro che tanto ami, e, oh, qual triste dispiacere, neppure il tempo di scrivere, nonostante un flusso di parole si stavano scolpendo nella tua mente… peccaaaato”. Psicopatico lunedì.

Odio i lunedì. Ma il lunedì 10 dicembre ha un posto d’onore. Perché significa anche tornare in Italia. Tra gli italiani. I cultori del gossip e dello sparlare. Significa tornare da Silvio. Tra i grassi e obesi invidiosi che mangiano mangiano e poi piangono … hanno ancora fame… perché in fondo quel che vogliono mangiare non si mastica. Tra gli attori, aspiranti attori, e tra quelli che un tempo hanno deciso di buttarsi via e vendersi in cambio d’una bella maschera laccata.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s