AMA – to Lunedì – Poesia in vernacolo

Lunedì mattina.
Il principio di una settimana disgustosa.

L’AMA apre le danze. Proprio all’ama, la nettezza urbana di Roma, voglio dedicare una poesia in vernacolo, perché m’ha fatto davvero esaurire.

Se lamentano tutti che a Napoli c’è la monnezza
Io te porterei a Roma invece, a vede l’AMA che pèzza.
Dicono che er colèra è tornato
Perché non tutti i secchioni hanno svotato.
A me, me rode, e pure tanto
Sapé d’avé pagato n’esagerazione
Pé un buco d’abitazione
E poi de lunedì mattina, er pianto
da sola, davanti alla buca delle lettere
manco fossi annata ar camposanto
a vede sta busta loro, giallo rossa, senza carattere

che me dice: “Ao nun hai pagato la bolletta”
A monnezzari non me prendete per culo
perché io sì che ve ce manno affan….

Io le bollette tutte te l’ho pagate
e pure care me so costate

E me viè da pensà che er còre loro
De quelli dietro ai vetri de li sportelli
Ce pigliano gusto a facce a brandelli
io già me sento che mòro

Io dentro a’n secchione li manderei in vacanza
Così ché addosso gli rimane sta fragranza

bella bella e profumata
Che se la risentono da soli, dietro alla loro vetrata.
Che quanno camminano per strada li vedi da lontano
E li potemo indicà cor dito: “ecco mo ce tormentano!”
e aggiunge
“Non v’è bastato? arifateve n’artra vacanza”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s