Goccia dopo goccia

Entra di corsa nell’alimentari
e prende il numero.
Io ero prima di lei, ma mi ero scordata di prenderlo.

Si volta
Il suo sguardo è un’oscillare
di odio e insoddisfazione.
Resta lì a lanciarmi sguardi fugaci. Avrà forse cinquant’anni.

Nella mia testa ne ho dodici, quasi tredici
Ma nella sua sono una acerrima nemica
dalle tette più grandi, la vita e più stretta… pronta a rubare il sacro sguardo maschile.

Ho taciuto e l’ho guardata con compassione mentre si lamentava che il mondo era una merda perché le ero passata davanti, in quanto “legalemente” avendo il numero dopo pur essendo arrivata prima stava ad indicare la sua superiorità… che le avevo rubato il posto solo perché avevo fatto gli occhi dolci al tipo del banco, che io deconcentravo con i miei sorrisetti. La bionda tinta ultra 50enne in vuitton contro la famosa foglianera sexbomb che va a fare la spesa quasi in pigiama.

A…. A signò!!! le avrei tanto voluto fare un pezzo alla storia da’aa filosofia coatta… però mi vergognavo un sacco. Mi sono detta che forse sorridevo troppo. Ma poi ho capito che chi tiene solo al fisico soffre da morire quando vede la “gioventù” passarle davanti.

Beh, fatto sta… quando sono tornata a casa la mia gatta nera mi ha lasciata una pantegana di 10cm (con la coda era di 20) davanti l’ingresso di casa.

Mi manca essere piccola.
Quando mi chiamano “Signora” mi sento male…
mi guardo allo specchio e mi sento 13enne… invece ne ho esattamente il doppio…

Cavolo ho proprio la sindrome di Peter Pan a livelli bomba.

3 thoughts on “Goccia dopo goccia

  1. pensavo di aver lasciato il commento,riprovo,sappi mia cara che sono solo le donne che invecchiano che danno dalla “signora” alle altre e i ragazzetti che cercano di fare gli educati sbagliando totalmente contesto ^_^ poi torna qui,da noi si usa chiamare “bimba” anche a 40 anni😉

  2. Sono le mie vittime preferite, soprattutto quando il distributore di numeri non c’e’ proprio.

    L’ultima in ordine di tempo, che corrisponde a quella ivi descrittovi, ha ricevuto il seguente “trattamento”, perche’ dalle mie parti si usa dire che e’ sufficiente trovare una volta solo San Fermo, poi ti adegui.

    Troione:
    “Ehi, ragazzino (ho 44 anni e questa mi chiama ragazzino) c’ero prima io (e il piu’ delle volte e’ una pura menzogna), tocca a me”

    Zac:
    “Sono desolato, signora anziana, ma le consiglio vivamente di non rompermi il cazzo, che e’ una giornata difficile, e non vorrei che tirando troppo le sue pieghe facciali si verificasse l’improvviso strappo di talune fasce muscolari rese inerti da massicce dosi di botulino.
    Le auguro una felice giornata”

    Avessi visto le risate dei due commessi dietro al bancone.

    Ah, il troione non ha piu’ replicato, e vorrei ben vedere.

    Ciao
    Zac

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s