Fortunella e la strana legge del Karma

Non potevo lasciarvi in sospeso così, scusatemi. Eh, sono pessima. Io sono la donna dell’incostanza, lo so. Grazie. Anche se si tratta di un mucchio di cazzate, so che siete curiose/i… e se ci riesco in questo post… proverò a farvi fare le solite ciniche,pirandelliane, contrite risate gastrite. Non che io sia un genio nell’abbordare  l’ironia pirandelliana… è che semplicemente il mondo sta impazzendo talmente tanto da offrirtele su vassoi d’argento… e tu che fai? non ci butti nemmeno un occhiata?

Mi si è rotta la tastiera. Lo space. Maledizione. va beh nel caso si dovesse leggere tuttoattaccatosapetechenonlofaccioperinnervosirvi.

A dove ero rimasta? ah, si. i sette chili in un mese.

Alcuni forse si domandano come va la mia dieta…

Beh. la mia dieta è stata Barcellona.

Dovevo tornarci oggi, da Barcellona.
Invece sono dovuta tornare prima.

E’ bello ricordarsi di come la gente magia di merda in molte parti del mondo.
La loro arte culinaria (quella seria) è poca, costosa, e terribilmente pesante da mandar giù. Verdure? si, con trenta tonnellate di salse e robe strane sopra. La gente? quella che abbiamo incontrato noi erano stronzi all’ennesima potenza, dei milanesi iperpotenziati. No va bene… Barcellona me la tengo come special post, se lo merita.

Fatto sta che ci han dato da mangiare cibo avariato, pesce “fresco”-sicuramente fresco di due settimane fa-, avvelenandoci per bene e portandoci a vivere le peggiori esperienze mai vissute, sul WC e non.

E che ti dicono quando vai in Farmacia? ah ovviamente tutto in spagnolo, scocciate che non gli parli in catalano.
Farmacista di Barcellona: con tono scocciato “Si.”
Io: penso: “ecco…poi dicono che solo gli Italiani sono maleducati.” ad alta voce: “Buongiorno”
Farmacista di Barcellona: “che vuole?”
Io:“La prego di scusarmi per il mio spagnolo. Io ed il mio compagno siamo stati male tutta la notte. Ieri abbiamo pranzato in un ristorante poco lontano, abbiamo una intossicazione alimentare grave e avrei bisogno di aiuto”
Farmacista di Barcellona: “No… è colpa vostra che non siete abituati a mangiare come mangiamo noi”
Io:“La prego di perdonarmi, ma il pesce era avariato. Non gli mostro i segni dell’intossicazione.”
La farmacista guarda l’altra farmacista e dice in catalano “che palle i turisti, e a questa che gli dò? vengono qua a rompere, che me ne frega che sta male…”  e poi mi sorride. “El arroz” inizia a dire “comer arroz” (riso, mangiare riso- io stupida umana no avere capito che tu prendi me per culo… sta cogliona)
Io: “Paracetamolo per la febbre, un anti-nausea,  e qualcosa che blocchi la diarrea. Grazie.”
Farmacista di Barcellona: “Se non sopportate il nostro cibo, potevate andarvene da un altra parte, in vacanza”

Ora tu… ad una così… che gli fai???
Va beh  tutto ciò per dire che sono proprio stronzi. Dentro, nelle viscere.
Ad ogni modo…. beh sono 3 giorni che sto bella a pezzi… altro che dieta… come ne uscirà Fortunella? boh.

Io dico che tanto…. la ruota gira….

E non voglio nemmeno vedere cosa potrebbe succedere a quelli che AVREBBERO TRANQUILLAMENTE potuto aiutarci ma che hanno reputato troppo faticoso farlo.

E vi lascio con questo.

One thought on “Fortunella e la strana legge del Karma

  1. quanto hai ragione.
    io ieri stavo cercando parcheggio e mi sono beccato il solito deficiente che tra il parcheggio davanti, e quello dietro, decide di parcheggiare il muso in quello davanti, e il culo in quello dietro.
    italiani, ispanici, marocchini, stranieri, apolidi…..
    cazzo io li odio tutti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s