Shulùq

Copyright © Margherita G.M. All rights reserved.

Non chiedermi dove porterò le tue ombre.
Mi risveglio sotto infuocati manti, nel pulsare delle dune.
Cavalco lento e circolare, danzano meretrici di sabbia sul mio palmo.
Uomini dai volti dorati mi salutano,
E donne, dalle nere tonache, dondolanti
Lasciano il tessuto riempirsi
del mio torrido essere.
Accorrono i fratelli
dinnanzi al Re del Deserto
Io che m’innalzo al Sole, che infuoco le rocce
Io che creo movimento, dove c’è solo l’inerte morte.
Sono la scia di fuoco che attraversa il mare della storia dell’uomo
Vedo la mia terra, di zafferano, terra bruciata, cuoio e rame.

Il mio caldo bacio lascivo sfiora labbra
di donne di ebano
Sfioro le danzatrici del ventre
con erotici sogni e con terre lontane
Divoro le ombre dei passanti
Coloro i palazzi di spruzzi ramati d’ocra
profumo di sale
oasi vellutata
nei desideri di mille volti.

Richiamo a me le mie ali calorose
che hanno invaso i gialli campi.
Io, Shulùq, Re del Deserto
Ho portato nuove storie profumate
di gelsomini e harem
Sino alle vette di giganti dormienti sotto panni di nevi.

Oltre i monti mi sono innamorato
Della donna che soffia da Nord
La pelle neve, le labbra di ghiaccio

Ogni giorni m’innalzo dal cuore del mondo
col cuore di lava
e percorro metà mondo
solo per vedere Lei.

G.M. Margherita
Copyright © Margherita G.M. All rights reserved.

Informazione generale: la lirica fa parte di una mia raccolta chiamata “La Rosa dei Venti”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s